PREVENZIONE CRISI IMPRESA. GLI ESPERTI INDICANO LE LINEE GUIDA PER EVITARLA.

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti nei documenti di ricerca del 07/07/2023 e del 25/07/2023 espone rispettivamente le linee guida e una check list relativi agli” Assetti organizzativi, amministrativi e contabili” previsti dall’art. 2086 C.C., dando alle imprese elementi di spunto per evitare di direzionarsi verso un probabile default.
Da questi documenti è facile intuire come gli aspetti qualitativi e quantitativi da verificare siano gli stessi che le imprese virtuose seguono da anni per migliorare il proprio business e per essere competitive a livello internazionale.
Facciamo subito una premessa: la verifica costante degli “adeguati assetti” prescritti dalla normativa deve essere messa in pratica quando l’impresa sta bene ed è in salute, cioè quando non sussiste il rischio di crisi, perché altrimenti è troppo tardi per intervenire. Queste prescrizioni servono a permettere all’impresa di aumentare fatturati e utili nonché di ottimizzare la gestione aziendale e la gestione delle risorse umane.

Indichiamo di seguito i punti che le imprese, in proporzione alla loro dimensione, devono predisporre e
verificare periodicamente.

ASSETTO ORGANIZZATIVO

ASSETTO AMMINISTRATIVO

ASSETTO CONTABILE

Tali prescrizioni riguardano tutte le attività economiche sia sotto forma di società che di ditte individuali.
Ovviamente dovranno essere proporzionate alla dimensione dell’azienda.


Ignorare quanto dispone l’art. 2086 del Codice Civile può portare, in caso di crisi, alla revoca dell’organo amministrativo e ad una responsabilità personale degli amministratori, che risponderanno direttamente col proprio patrimonio personale, ed inoltre alla mancata applicazione di eventuali attenuanti in giudizio proprio per non aver agito per conservare l’integrità del patrimonio sociale.


I tribunali si stanno già muovendo in questo senso, infatti la sentenza n. 188/2021 del Tribunale di Cagliari, ha affermato che la mancata adozione di adeguati assetti da parte dell’organo amministrativo di una impresa in crisi costituisce una grave irregolarità che impone la revoca dell’organo
amministrativo e la nomina di un amministratore giudiziario. I giudici hanno condannato gli amministratori per la violazione del dovere di predisporre adeguati assetti organizzativi amministrativi e contabili, motivando così:

Assetto organizzativo

Assetto amministrativo


Assetto contabile

Articolo di Andrea Ferrero 28.09.2023